Passa ai contenuti principali

RECENSIONE | L'isola del tesoro

Salve Viandanti, questo è uno dei post che pubblicherò prima della fine dell'estate, se tutto andrà bene però non sarà l'unica recensione. La seconda parte del post su Akatsuki no Yona non vedrà la luce prima di settembre, soprattutto perché i recenti capitoli stanno facendo venire a galla alcune cose piuttosto importanti e vorrei davvero approfittarne.
Ho visto che in molti avete apprezzato il mio post sulle 5 cose da blogger. Non so se lo trasformerò in una rubrica, ma aspettatevi una parte 2 molto presto... e un altro paio di cosette, se riesco a far ripartire un paio di rubriche.
Normalità, che cos'è?




Titolo: L'isola del tesoro
Titolo originale: Treasure Island
Autore: Robert L. Stevenson
Casa editrice: Gribaudo
Anno: 2016
Prezzo: 8,90 euro


Spoiler Free








Ciao ingegneria, io vado a fare il pirata. Troverò il mio Long John Silver e insieme solcheremo i mari.
Capitan Jack Sparrow? Pfff... chi?




L'isola del tesoro è uno di quei libri che è stato nella mia wishlist per anni ma per cui è mancata la volontà o i soldi per comprarlo, per questo la famosa "spuntina" non è mai arrivata.
Poi arriva la serie Black Sails e il libro sale nella lista delle priorità, la Gribaudo ci mette lo zampino con le sue copertine fighe e coloratissime ed io mi sono sentita in paradiso.
Forse lo stile coloratissimo si lascia facilmente bollare come "infantile", ma l'estetica mi ha talmente soddisfatta che se fosse possibile le darei il premio come "Miglior casa editrice del 2016" senza neanche pesarci due volte. Prezzo, qualità, grafica e soddisfazione non sono mai andati così d'accordo.

Ora che ho speso due parole sulla casa editrice, torniamo all'argomento principale.

La storia comincia piano piano, costruendo il mistero principale, ponendo domanda dopo domanda e portando a chiederti cosa accadrà, finché ad un certo punto non scatta qualcosa ed è come se gli eventi aumentino sempre di più, in un crescendo di adrenalina, finché il lettore non ha un attimo di tempo per respirare o mettere giù il libro.


Non vi nasconderò che Jim Hakwins, il protagonista e voce narrante,  è una sorta di Mary Sue: si comporta come un adolescente normale e leggermente svezzacollo, si mette nei guai, gli vanno sempre bene tutte, anche se c'è una sorta di crescita a cui possiamo assistere: se nei primi guai in cui si cacciava a salvarlo era una sorta di "colpo di fortuna", andando avanti con la storia si fa sempre più scaltro, creandosi da solo quella stessa fortuna che gli salva il collo.


Ma chi ha davvero salvato il libro, chi ne è il protagonista assoluto prima ancora di entrare in scena è lui, si, proprio lui. Long John Silver.

Io amo questo villain, è assolutamente geniale. 

Prima ancora di entrare in scena riesce a catturare l'attenzione, anche quando è sotto copertura manipola tutto e tutti con il suo fascino e capisci perché nonostante ci fossero dei sospetti iniziali, lui abbia preso in giro ogni persona che sia stata sfiorata da quel pensiero.
Il suo primo ingresso come villain è stato un po' deludente, mi ha quasi fatto pensare che fosse molto vecchio stampo e con poco cervello.. e invece no.
Stevenson dimostra tutta la sua bravura come narratore perché ogni fatto ha un perché le causa-effetto hanno un senso, a differenza di molti suoi contemporanei. C'è una linea temporale, una struttura alla base della storia.
John Silver sarà affascinante, astuto... ma non è Flint. Non è il leader indiscusso di una ciurma di pirati che potrebbe tagliargli la gola nel sonno da un momento all'altro e per questo ne paga le conseguenze. Idea un piano che lo porterebbe a vivere come un pascià per il resto dei suoi giorni, ma non riesce a tenere a bada quei sanguinari della vecchia ciurma di Flint che sono abituati soltanto a razziare: questa è la falla nel piano che permette poi ai buoni di salvarsi la pelle.
L'ingresso ufficiale di Silver come cattivo ha anche un altro obbiettivo: farti credere che andrà tutto bene, visto che il villain sembra una ciofeca...



Effettivamente mi aspettavo più sangue e meno morti off-screen. Pirati della Malesia non  aveva niente da invidiare ad un volume di George Martin per il numero di morti e non rimasi per niente traumatizzata alla tenera età di 9 anni.

Dimenticavo... Ultimamente va di moda rileggere dei classici cercando dei personaggi gay e nemmeno io sono stata da meno.
Leggete questo libro e ditemi che anche secondo voi quei due sono gay. Soggetto 1 che torna indietro e non lascia la nave senza l'altro, rischiando la sua vita e chissà cos'altro perché sa che lui è migliore di così e non merita di finire impiccato... La mia nuova ship sono loro

Lo stile è chiaro e scorrevole, nonostante tutti i termini nautici; la descrizione delle scene è semplice e d'impatto e riesci bene o male a farti un'idea di cosa sta succedendo, anche se ancora non ho capito come ha fatto Hawkings a far inclinare la nave per buttare uno dei pirati in mare. No seriamente, come ha fatto? Voglio un galeone per provarci anch'io.

Un bel libro e un classico imperdibile... Yohooo e una bottiglia di rhum

Commenti

  1. Ciao! ho quasi 34 anni e ancora non l'ho letto! credo di dover recuperare. ma la cosa buffa sai qual è? che ce l'ho nuovo, di carta, sullo scaffale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHahaha, quand'è così vuol dire che sta aspettando il momento giusto XD

      Elimina
  2. Che vergogna, non l'ho ancora letto: per qualche motivo ho sempre pensato che fosse uno di quei libri che si apprezzano durante l'infanzia e non dopo. Adesso mi hai fatto venire voglia di recuperarlo, e di recuperare anche Black Sail

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti basti sapere che una volta finita la serie il libro non sarà mai più lo stesso XD

      Elimina
  3. L'ho iniziato anche io a causa di Black Sails XD

    RispondiElimina
  4. Okay. Già cominciamo bene perchè io adoro i pirati. Poi leggo la tua recensione e mi dico, cazzo, devo leggerlo! Ammetto che per me è successo lo stesso che per Katerina; l'ho visto un po' dappertutto ma ho sempre pensato che fosse adatto per una determinata fascia d'età e non oltre! La copertina inganna! Ebbene, forse è il momento di afferrare una bottiglia di rhum e salpare i mari, ciurma!

    RispondiElimina
  5. Non so cosa dire, soprattutto perché è il più bel commento che si possa ricevere <3

    RispondiElimina

Posta un commento

Sono sempre contenta di vedere messaggi, mandami un gufo.

Post popolari in questo blog

RECENSIONE | L'amazzone di Alessandro Magno

Titolo:L'amazzone di Alessandro Magno

Autore:Bianca Pitzorno

Casa editrice: Arnoldo Mondadori

Anno di pubblicazione: 2004

Prezzo: 8 euro



Trama:
Mírtale è una bambina diversa dalle altre, una trovatella allevata per l'interessamento di Alessandro Magno, il capo supremo della spedizione che marcia alla conquista dell'Asia. C'è un mistero nel suo passato, che solo il re e i suoi amici più stretti conoscono. E l'educazione che le viene impartita, con grande scandalo del filosofo Callístene e di tutte le persone sensate, è identica a quella dei ragazzi-maschi di nobile famiglia. Poi c'è il fatto davvero straordinario che Bucèfalo, che non si lascia toccare da nessuno se non da Alessandro, non solo accetta le carezze di Mírtale, ma persino che la bambina gli monti in groppa. Età di lettura: da 11 anni.

Recensione:
Devo premettere che sono una Fan di Bianca Pitzorno, sono completamente di parte! Ho cominciato a leggere con i suoi romanzi per bambini e mi sono sempre…

BOOKS PUT ME IN A GOOD MOOD | Partenza!

Salve, se state leggendo questo post vuol dire che ci siete, che mi avete seguito fino a questomomento e vi ringrazio. Nonostante tutti i problemi incontrati e i vari partecipanti che si sono ritirati, non fa niente, il progetto è partito. In settimana è arrivato il paco con il libro da spedire e ieri (o era avant'ieri?) l'ho spedito tramite posta raccomandata alla prima partecipante che potrà leggere, appuntare e disegnare sulle pagine qualsiasi cosa le venga in mente al momento.
Finalmente.  *Enorme sospiro di sollievo*

La mia sparizione è dovuta principalmente allo studio e all'esplosione del wi fi. Si, mi è esploso il wi fi. In realtà è andato in cortocircuito durante un temporale, ma dal lampo di luce proveniente dall'apparecchio e dalla successiva morte... riesco  a definire tutto ciò con "esplosione".
L'unico ad essermi rimasto fedele è il mio smartphone, ma internet è lento sul cellulare e non mi piace come vengono editati i post, tutto il materia…

RECENSIONE | Harry Potter and the Cursed Child

Titolo: Harry Potter and the Cursed Child
Autore: J. K. Rowling, Jack Thorne, John Tiffany
Casa editrice:Little, Brown Book group
Anno di pubblicazione:2016
Prezzo:Onestamente troppo







Commenti divertenti che ho trovato in giro per internet:

"C'ha la copertina bella"
-Caleel

"NO"
-Ilenia Zodiaco

"I'll pretend this book never existed"
-Serena-Seriously

Salve Viandanti,  come promesso ecco la recensione del libro, anche se più che una recensione si tratta di una sorta di trattato vero e proprio.
C'è così tanto che vorrei dire, accidenti....
Innanzitutto questo libro ha ridefinito il mio personale rating: se prima il valore più basso della scala era "Che @€#&% ho letto", adesso il gradino più basso è "Ma ci ho veramente speso dei soldi?"
Mi sembrava davvero di avere a che fare con qualcosa uscito da Wattpad che per puro caso si era trovato con una copertina con su scritto "Harry Potter".
Lettori a cui è piaciuto, siete a…