Passa ai contenuti principali

RECENSIONE | Harry Potter and the Cursed Child







Titolo: Harry Potter and the Cursed Child
Autore: J. K. Rowling, Jack Thorne, John Tiffany
Casa editrice: Little, Brown Book group
Anno di pubblicazione: 2016
Prezzo: Onestamente troppo







Commenti divertenti che ho trovato in giro per internet:

"C'ha la copertina bella"
-Caleel

"NO"
-Ilenia Zodiaco

"I'll pretend this book never existed"
-Serena-Seriously

Salve Viandanti,  come promesso ecco la recensione del libro, anche se più che una recensione si tratta di una sorta di trattato vero e proprio.
C'è così tanto che vorrei dire, accidenti....
Innanzitutto questo libro ha ridefinito il mio personale rating: se prima il valore più basso della scala era "Che @€#&% ho letto", adesso il gradino più basso è "Ma ci ho veramente speso dei soldi?"
Mi sembrava davvero di avere a che fare con qualcosa uscito da Wattpad che per puro caso si era trovato con una copertina con su scritto "Harry Potter".
Lettori a cui è piaciuto, siete avvisati.

Partiamo dal punto principale: questo è un Pirati dei Caraibi, la vendetta.
Si sono ritrovati una storia, l'hanno sviluppata da cani cercando di favorire il protagonista, ma chi ne è uscito davvero bene è il personaggio spalla che fa battute comiche.

Inoltre non riuscivo a crederci, ma tutti gli spoiler sono veri! Se alcune cose hanno preso in qualche modo forma una volta inserite nel contesto, altre si sono rivelate davvero terribili e prive di senso.
La storia è una fanfiction del Calice di Fuoco, fatta e finita. Non c'è giustificazione che tenga: una cosa è il riferimento ad un'opera, un'altra è il miscuglio di elementi  di quell'opera senza un minimo di originalità.
Ad esempio, c'è un riferimento ad "A Very Potter Musical" quando si parla di Skinny Ginny, ma c'è una sorta di... pastrocchio di elementi della saga durante tutta l'opera.

Fine parte senza spoiler


Ed ecco la parte piena di spoiler.
Non so nemmeno da dove cominciare: ho iniziato che la storia mi sembrava davvero carina, i riferimenti c'erano ed erano abbastanza accettabili anche se Rose mi è stata sulle palle dal primo momento in cui ha aperto bocca.
Davvero?? Davvero tratti tuo padre in quel modo? Fossi stata figlia mia ti avrei tirato un paio di ceffoni che ti avrebbero fatto passare la voglia di parlarmi in quel modo.
Non me ne frega niente che si tratta di una gag, è una cosa squallida e basta.

Dov'ero? Ah si.

Ho cominciato la storia che mi sembrava una cosa carina che sembrava aver tutta l'intenzione di essere fatta apposta per avvolgere il lettore/spettatore nella nostalgia, infatti i miei primi pensieri sono stati "Okay, dove hanno combinato il casino?". La risposta non si è fatta aspettare, fino ad ora considero pagina 126 l'ultima pagina decente, poi è scoppiato il disastro.

Se avete letto gli spoiler, sapete com'è andata, è inutile riprendere il discorso: qualcosa si è perso per strada e per rimediare hanno fatto un frullato di libri di Harry Potter, soprattutto del Calice di Fuoco.
Un piccolo sassolino però me lo devo togliere: i viaggi nel tempo.
Una volta fatto il secondo viaggio nel tempo, l'universo alternativo in cui Voldemort uccide Harry non ha motivo di esistere, per un semplice motivo: se è Albus a modificare il passato portando all'uccisione del padre, non dovrebbe crearsi un paradosso temporale? L'universo non si dovrebbe ribellare o addirittura riscriversi come se almeno il secondo viaggio nel tempo non fosse mai accaduto perché chi lo ha modificato non è mai nato?
Non sto raccontando frottole, a prova di ciò che dico c'è l'ennesimo viaggio nel tempo fatto dall'universo alternativo in cui Albus non esiste, ma andando indietro nel tempo invece lui c'è.
Se lui non esiste nel presente non dovrebbe esistere neanche nel passato, giusto?

Doctor Who docet


I personaggi

Harry non è Harry. Dall'ultimo capitolo dei Doni della Morte mi ricordo che Harry era un padre fermo, non esattamente autoritario, ma tutto il contrario della persona presentatami. Non fai tre figli se non hai idea di come fare il padre e poi venirmi fuori con "ma io non avevo un padre" come giustificazione, santo cielo!
Dove me lo metti Silente, eh?
Quello che mi è stato descritto è un uomo pauroso, senza spina dorsale e leggermente isterico. Quali siano i suoi problemi non lo so, ma non è Harry e lo noti in tutti i suoi i comportamenti.
Il finale alla Mulino Bianco è stato il tocco di squallore che mancava al libro, ma tanto il mio cervello implorava pietà e probabilmente se n'era già andato a farsi un giro.

Hermione, signore e signori, Hermione. Si tratta del personaggio meno malriuscito, ma non mi ha convinto del tutto. Se l'adolescente Hermione impara a sconfiggere tutte le sue insicurezze per diventare una donna forte, qualcosa deve essersi perso in diciannove anni.
E ancora, GRAZIE JACK THORNE, GRAZIE. GRAZIE PER AVERMI RICORDATO PER L'ENNESIMA VOLTA CHE SENZA UN UOMO AL MIO FIANCO NON POSSO ASPIRARE ALLA VETTA DI UN QUALSIASI SOGNO, CHE SENZA UN UOMO AL MIO FIANCO NON POSSO CHE ESSERE UNA PERSONA FREDDA E ARIDA.
Non me ne frega niente di quanto questo possa essere un riferimento a Piton, è bastardo e misogino oltre che l'ennesima prova che l'autore (non la Rowling) sia incapace di produrre del materiale nuovo o di andare a sviluppare del materiale già esistente.

Il mio futuro incontro con Jack Thorne


Ron sembra un alcolista e come avrebbe potuto mettere da parte la sua carriera al Ministero per la famiglia se sembra che la sua storia d'amore con la bottiglia vada a gonfie vele?
Ancora una volta il ruolo di Ron viene sminuito, non è quella persona affettuosa, simpatica e ironica su cui puoi sempre contare, ma un tizio messo lì a caso come plot twist da usare nella narrazione. Miseriaccia.

Ginny, bah... credo che rileggerò uno dei libri della saga a caso per rivederla.

Piton poteva anche essere passabile e credere a Scorpius sulla parola in quanto Occlumante e ottimo Legilimens, ma il suo addio a Scorpius che è anche per Harry?
"Dì ad Harry che sono orgoglioso che Albus porti anche il mio nome" Wtf, se non è una cosa scontatissima questa, allora non so cosa lo è.
Se devi inserire una frase del genere devi andare coi piedi di piombo, anche perché con il rapporto tra Harry e Snape poteva esserti tutto e poteva esserci niente.
Ci ho pensato, mettendola sul "e se avessi dovuto scrivere io quella frase?" e la cosa è uscita davvero difficile, perché per come si sono chiuse le cose al momento dei Doni della morte tra Harry e Snape si poteva dire tutto e si poteva dire niente.
Chiunque si renderebbe conto che anche un semplice "mi dispiace" sarebbe bastato, visto come Snape si era comportato nei suoi ultimi sette anni.
Ancora: Piton è uno dei personaggi più complessi scritti dalla Rowling, se non della letteratura, perché se per Harry Silente è il padre che non ha mai avuto, Piton è quello che avrebbe potuto avere e uno dei suoi grandi "e se"; frasi scadenti come questa sono un pugno in un occhio.


E arriviamo all'elefante nella stanza, il nuovo Golden Trio: Rose, Albus e Scorpius.

Togliamoci di torno la prima: Rose, cosa non è Rose. Mi rifiuto di credere che lei sia figlia di Hermione o abbia qualche lontana parentela con i Weasley. Nessuna persona che condivida il corredo cromosomico con loro sarebbe così superficiale, menefreghista ed essenzialmente... stronza.

Scorpius e Albus sono l'anti Malfoy e l'anti Harry, adorabile il primo, rompipalle il secondo. Se Scorpius è complesso, Albus è piatto e quando l'autore ha cercato di renderlo interessante è andato completamente fuoristrada. O meglio: ha cominciato rendendolo interessante per poi diventare il miglior anticoncezionale della storia dell'universo.
Se per Malfoy junior è stata applicata la regola del "show, don't tell", con Albus ci sono stati dei momenti in cui è stata buttata fuori dalla finestra.
Scorpius si distacca dal padre e ne esce una persona adorabilina e teneramente nerd, Albus è speculare a Potter senior ed è un pugno in faccia. No, quello glielo voglio tirare io.
Credetemi, ne ho letti di personaggi scritti per essere appositamente odiati, Piton e Marco Cinquedraghi e quest'ultimo ne combina di peggiori rispetto ad Albus.
Sono indecisa se inserire o meno tutte le parti del libro che indicano che quei due sono gay e si amano da morire, tanto da essere buone per un remake di Dante e Aristotle snche se è evidente che qualcuno deve aver avuto paura e ha lasciato perdere tutto all'ultimo momento. O forse temevano una causa da Benjamin Alire Saenz.

SCORPIUS: Thank you for being my light in the darkness

SCORPIUS: Okay. Hello. Um. Have we hugged before? Do we hug?


Scena delle scale.    ALBUS enters and walks up one staircase. SCORPIUS enters and walks up another. The staircases meet. The two boys look at each other. Lost and hopeful – all at once. And then ALBUS looks away and the moment is broken – and with it, possibly, the friendship. And now the staircases part – the two look at each other – one full of guilt – the other full of pain – both full of unhappiness


SCORPIUS: Still, if I had to choose a companion to be at the return of eternal darkness with, I'd choose you.

ALBUS: No offense, but I'd choose someone massive and really good at magic

Non trovo la parte in cui viene detto "You belong together" perché riaprire quella roba sarebbe troppo.


Come sarebbe dovuta finire

Insomma, ho detto tutto quello che non mi è piaciuto (stendiamo un velo pietoso sulla vecchietta che sembra uscita da un film horror), ma nulla su quello che mi è piaciuto: Malfoy senior e Malfoy junior.
Draco Malfoy è l'unico personaggio la cui evoluzione in qualche modo si collega con quella della saga principale e mi è piaciuto tantissimo come è stata curata.
Scorpius per certi versi è Ron 2.0 misto all' anti Malfoy, ma riesce ad essere in qualche modo originale perché le insicurezze di Ron nei confronti di Harry erano totalmente diverse.
Tutto ciò, caro Jack Thorne, non porta acqua al tuo mulino, perché prova soltanto che sei capacissimo di scrivere una dannata storia e di curare i tuoi personaggi, quindi mi chiedo... cosa c'è che non va? Cosa è andato storto?
Ah, anche i costumi indossati in scena da Jamie Parker sono degni di nota.

Un piccolo tarlo durante e alla fine della lettura: molti personaggi sono stati solo nominati o del tutto dimenticati, nonostante alcuni di loro siano presenti ad Hogwarts durante lo svolgimento dei fatti. Non so se esserne infastidita o sollevata visto lo scempio fatto da questo libro.


Con questo vi lascio con ciò che avevo trovato in un post di tumblr quando ancora non era stata rilasciata nemmeno la trama, in cui ancora sognavamo l'ottava avventura.
Non ho trovato il post, altrimenti vi avrei postato lo screenshot, ma questo tipo di post è fin troppo comune su tumblr, per cui se vi siete imbattuti nello stesso post avvisatemi, a meno che non si tratti di un mio trip/sogno assurdo dovuto al delirio che mi aveva dato la robaccia che avevo letto.

Immaginate il Bambino Che è Sopravvissuto, ora a capo del dipartimento Auror, venga coinvolto in un'indagine che lo porta inaspettatamente in una casa di Babbani con un bambino magico. Il comportamento dei genitori e lo sguardo che gli rivolge il piccolo mago è fin troppo familiare ed Harry non può non rimanerne turbato.
Una volta tornato a casa, Harry guarda suo figlio Albus e ancora una volta quel bambino in un sottoscala non vuol lasciare i suoi pensieri; si rende conto così che quel bambino in grado di fare magie non è l'unico, non è il solo che si trova in quella situazione di terrore.
Allora Harry chiama i suoi due amici di sempre, Ron ed Hermione, e di fronte ad una tazza di té spiega loro che non è ancora finita. "Il mondo ha ancora bisogno di noi, ancora una volta"
E cavolo, se l'hanno cambiato.

E QUESTA, MIO CARO DREAM TEAM ROWLING, TIFFANY E THORNE, QUESTA è IL TIPO DI CARATTERIZZAZIONE, DI SVILUPPO DEL PERSONAGGIO CHE AVREI VOLUTO VEDERE, MISERIACCIA.



Commenti

  1. No vabbè mi viene quasi da piangere! :'(
    Non lo leggerò MAI! Perchè rovinare una saga così genuinamente pura con questo obbrobrio commerciale e senza senso?!?
    Fingerò che non sia mai successo!
    Complimenti per la review appassionata, da potterhead a potterhead sappi che ti sono vicina nella delusione! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fa malissimo ed è stato quasi catartico scriverne. Credo che l'avrei accettato anche se si fosse trattato di un qualcosa fatto solo per farti prendere dalla nostalgia, ma così non è stato :(

      Elimina
  2. Sono d'accordo su moltissimi punti che hai citato, in primis il personaggio di Harry, ho scritto la recensione proprio un paio di giorni fa ed è stata dura dover "demolire" il libro e i suoi contenuti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quello non era Harry, era sicuramente qualcun altro! Quindi demoliscilo pure senza rimorsi

      Elimina
  3. Alla voce prezzo sono d'accordissimo con te: l'ho preso in mano in libreria e sono quasi svenuta. Poi è capitato che ne abbia vinta una copia, anche se non volevo leggerlo. Non so se rovinarmi l'esistenza e leggerlo per poi parlarne male o no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai una cosa: fermati a pagina 126, dopo non ne vale proprio la pena

      Elimina
  4. Ora come ora voglio leggere questo libro solo per poterne parlare male con tutti gli altri, con cognizione di causa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente non puoi parlarne male se prima non l'hai letto e non hai alzato il livello dell'oceano con le tue lacrime perché qualcosa di così bello e puro è stato rovinato XD

      Elimina
  5. Non so che fare, qualcuno dice sì, altri no....lo terrò come riserva nel caso di qualche crisi mistica..
    bella recensione comunque <3
    Passa da me se ti va, mi fa sempre piacere incontrare nuove blogger che condividono come me l'amore per i libri <3
    https://enchantedbybooksblog.wordpress.com/

    RispondiElimina

Posta un commento

Sono sempre contenta di vedere messaggi, mandami un gufo.

Post popolari in questo blog

RECENSIONE | L'amazzone di Alessandro Magno

Titolo:L'amazzone di Alessandro Magno

Autore:Bianca Pitzorno

Casa editrice: Arnoldo Mondadori

Anno di pubblicazione: 2004

Prezzo: 8 euro



Trama:
Mírtale è una bambina diversa dalle altre, una trovatella allevata per l'interessamento di Alessandro Magno, il capo supremo della spedizione che marcia alla conquista dell'Asia. C'è un mistero nel suo passato, che solo il re e i suoi amici più stretti conoscono. E l'educazione che le viene impartita, con grande scandalo del filosofo Callístene e di tutte le persone sensate, è identica a quella dei ragazzi-maschi di nobile famiglia. Poi c'è il fatto davvero straordinario che Bucèfalo, che non si lascia toccare da nessuno se non da Alessandro, non solo accetta le carezze di Mírtale, ma persino che la bambina gli monti in groppa. Età di lettura: da 11 anni.

Recensione:
Devo premettere che sono una Fan di Bianca Pitzorno, sono completamente di parte! Ho cominciato a leggere con i suoi romanzi per bambini e mi sono sempre…

BOOKS PUT ME IN A GOOD MOOD | Partenza!

Salve, se state leggendo questo post vuol dire che ci siete, che mi avete seguito fino a questomomento e vi ringrazio. Nonostante tutti i problemi incontrati e i vari partecipanti che si sono ritirati, non fa niente, il progetto è partito. In settimana è arrivato il paco con il libro da spedire e ieri (o era avant'ieri?) l'ho spedito tramite posta raccomandata alla prima partecipante che potrà leggere, appuntare e disegnare sulle pagine qualsiasi cosa le venga in mente al momento.
Finalmente.  *Enorme sospiro di sollievo*

La mia sparizione è dovuta principalmente allo studio e all'esplosione del wi fi. Si, mi è esploso il wi fi. In realtà è andato in cortocircuito durante un temporale, ma dal lampo di luce proveniente dall'apparecchio e dalla successiva morte... riesco  a definire tutto ciò con "esplosione".
L'unico ad essermi rimasto fedele è il mio smartphone, ma internet è lento sul cellulare e non mi piace come vengono editati i post, tutto il materia…

RUBRICA | I'm a book, pick me!

I'm a book, pick me Speciale Halloween

Interrompo ancora una volta lo Hiatus per  postare uno dei post che avevo ideato prima della pausa del blog. Come idea mi piaceva davvero e non volevo aspettare l'anno prossimo per postarlo, molto probabilmente perché potrei non farlo affatto o prendere parte alla skeleton war.



Stephen King - Per quel brivido d'autore
Ammetto di non aver mai letto Stephen King (non linciatemi), ma si tratta di una questione prettamente pratica: il 75% dei libri letti all'anno sono stati letti la notte. Questo vuol dire che se mi dimentico che ci sono gli elettrodomestici accesi mi viene un infarto, figuriamoci se succede mentre leggo King. Oltre che non saprei da dove cominciare.
A parte questo, chiedete ad un amante di Sephen King: sarebbe un'ottima lettura in tema Halloween.

L'amico immaginario - Perché i mostri alle volte sono veri
Nelle note l'autore ammette che si è ispirato a Stephen King. Lol.

L'albero di Halloween - Qualcosa di div…