Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da 2016

2016 in cifre, libri e parole

Ci siamo, è arrivato quel periodo in cui possiamo fare recap su recap dell'anno appena passato. La mia homepage è piena di gente che fa top ten, ma io ho letto a malapena 40 libri e davvero non potrei riuscirci.
Niente top ten, facciamo finta di essere già alla premiazione degli Oscar e assegniamo premi.
.
Ed ora parliamo dei libri degni di nota di quest'anno e delle cose positive.


Categoria "Stevenson sei un genio"
L'isola del tesoro
La freccia nera
Non c'è niente da fare, Stevenson lo leggi e lo ami.

Categoria "Credo che la Meyer l'abbia letto ma che non abbia capito la componente inquietante"
Il seme del male

Categoria "Perché?"
Non lasciarmi andare
Si tratta di un NA piuttosto ingenuo, ma diamine se non mi ha riempita di facepalm
Anger
Puro nonsense
Doctor Who: The American Adventures
Libro così brutto che leggevo un paragrafo per fare due ore di analisi. Letto grazie a Netgalley, credo che lo comprerò solo per questo.
Il regno del drago d&…

The Christmas Song Book Tag

Salve Viandanti! Interrompo il mio Hiatus poco prima della fine per augurarvi buone feste e pubblicare uno dei tag che mi stanno più a cuore.
La cosa divertente di questo tag è che volevo pubblicarlo nel dicembre scorso e invece eccomi qua.
Arriva dicembre 2016 e il tag è a metà... "Lo pubblicherò prima di Natale!" dice una vocina, prima di rendersi conto che mancavano 4 giorni. Morale: la vita ha i suoi imprevisti e il tag arriva più tardi del previsto.
Per fortuna è ancora il 2016! Grazie a Giusy di Divoratori di Libri per aver postato il tag due anni fa... bellissimo davvero.


♫You're a Mean One Mr. Grinch♫  Nomina un personaggio malvagio che non puoi fare a meno di amare. Sebastian Morgenstern è il mio personaggio preferito  della serie The Mortal Instruments. Altro che Jace! Ma che dico, è il mio cattivo preferito di sempre, sopra il quale piangerò sempre!

♫All I Want for Christmas is You♫ Qual'è il libro che desideri di più trovare sotto l'albero di Natale?  La …

RUBRICA | I'm a book, pick me!

I'm a book, pick me Speciale Halloween

Interrompo ancora una volta lo Hiatus per  postare uno dei post che avevo ideato prima della pausa del blog. Come idea mi piaceva davvero e non volevo aspettare l'anno prossimo per postarlo, molto probabilmente perché potrei non farlo affatto o prendere parte alla skeleton war.



Stephen King - Per quel brivido d'autore
Ammetto di non aver mai letto Stephen King (non linciatemi), ma si tratta di una questione prettamente pratica: il 75% dei libri letti all'anno sono stati letti la notte. Questo vuol dire che se mi dimentico che ci sono gli elettrodomestici accesi mi viene un infarto, figuriamoci se succede mentre leggo King. Oltre che non saprei da dove cominciare.
A parte questo, chiedete ad un amante di Sephen King: sarebbe un'ottima lettura in tema Halloween.

L'amico immaginario - Perché i mostri alle volte sono veri
Nelle note l'autore ammette che si è ispirato a Stephen King. Lol.

L'albero di Halloween - Qualcosa di div…

Book Cake Tag

Buongiorno, Viandanti! Questo è uno dei post che avrei dovuto pubblicare prima dello Hiatus, ma è sceso un po' nel dimenticatoio.



Continuiamo l'iniziativa "Pubblica un tag al mese", uno dei miei propositi per il 2016 e come avevo previsto, non riuscirò ad esaurire i tag in bozze prima del 2017, anche se ho finito per non aggiungerne di nuovi. Si tratta di una magra consolazione, ma continuo ad avere un numero di bozze piuttosto imbarazzante.

Non ne ho pubblicato uno ogni mese, infatti quest'estate sono stata un po' latitante, ma ehi, ce l'ho fatta.



Farina: Un libro un po' lento all'inizio, ma che a lungo andare ti ha presa.
L'isola del Tesoro di Stevenson. Nonostante l'inizio lento, continuavo a farmi un sacco di domande su quello che stava accadendo quindi non lo considererei un difetto.


Margarina: Un libro dalla trama davvero ricca e grandiosa.
Outlander ha elementi di così tanti generi che non può essere classificato come un solo genere... f…

WRAP UP | Luglio-Agosto-Settembre + Compleanno blog

Non pensavo che una volta cominciato questo post avrei finito per pubblicarlo per davvero, ma ahimé,  così è.
Devo davvero impegnarmi questo trimestre quindi non ho idea di quanto io riuscirò a pubblicare sul blog. Certo, quasi ogni volta che ho pubblicato un post del genere ho finito per pubblicare di più, ma
chi può dirlo?

Ho riflettuto tantissim, e alla fine sono giunta ad un compromesso, ossia ritornerò nella blogosfera durante questo periodo di pausa solo come lettrice. Ne approfitterò per scrivere recensioni alla velocità di un bradipo, così da tornare alla grande con molte recensioni in più.
Nel frattempo cercherò di ultimare le bozze di post che avevo intenzione di pubblicare prima dello Hiatus, per cui è probabile che un paio usciranno dopo la pubblicazione di questo post.

Ma veniamo a questo Wrap Up: mi piace tantissimo come ho gestito il blog negli ultimi tre mesi, scrivendo più post o semplicemente  più recensioni, anche se la recensione di The Cursed Child sembra una cos…

Teaser Tuesday #12

Teaser Tuesday è un'idea del blog Should be Reading, è una rubrica che si tiene di martedì. Per parteciparvi basta seguire le seguenti regole.
Prendi il libro che stai leggendo e aprilo ad una pagina a caso; Condividi un breve spezzone di quella pagina senza fare spoiler Scrivi il titolo e l'autore

Era una giornata bella, frizzante, con la limpidezza dell'autunno, la terra illuminata di foglie e il cielo tondo e azzurro come il cielo sotto cui il trenino era sfrecciato tanti anni prima. Non c'erano molte persone: io, Robert, una manciati di altri, tutti in nero, i loro volti una macchia indistinta nella luce del sole. Nella mia memoria spicca soltanto Robert, pallido, una caricatura del dolore. Mi faceva male guardarlo. "Solamente fiori bianchi", così era stato detto l'annuncio sul "Cambridge News", e quel giorno ce n'erano a centinaia: gigli e rose e grossi crisantemi villosi e sfioriti che foderavano la tomba e il sentiero erboso e incoronava…

RECENSIONE | La prima cosa bella

La prima cosa bella, Bianca Marconero
No spoiler

Non ho parole, non ho parole davvero.
Questo libro è allo stesso tempo un omaggio al nerd che c'è in questo mondo e una risata malvagia della scrittrice.
L'ho letto in viaggio, quasi subito dopo il Principe Spezzato e sono sconvolta. Chi è l'editor, chi il coach, chi il supporter, chi il team che ha portato il thé e i bounty alla scrittrice ricordandole che lei è capace di queste meraviglie? Perché se anche avrei voluto tirare una sprangata sui denti a Dante, ciò che mi ferma è il suo essere terribilmente umano.
E diamine, Bianca Marconero alle volte sa essere terribilmente prolissa quando si tratta dei pensieri dei personaggi, ma qui... qui è un genio, semplicemente perfetta, delicata, ed è il caso di dirlo, leggera.

Parlando della metaforica risata malvagia della scrittrice: se all'inizio ti tende il tranello di farti credere che Dante sia una copia carbone di Marco Cinquedraghi, subito dopo entra in scena con la scritt…

RECENSIONE CATTIVA | Non lasciarmi andare

Salve gente, generalmente i miei post hanno una sorta di intro, ma oggi non sarà così. A quel paese le intro, devo togliermi questo pensiero!

Non lasciarmi andare, Jessica Soresen
Recensione piena di spoiler


Ci sono libri brutti e poi ci sono libri bruttissimi. Questo invece è una categoria a parte.
Non lasciarmi andare mi ha ricordato il motivo per cui avevo litigato con la Newton Editore, ossia che alle volte pubblicano storie bellissime come La prima cosa bella, alle volte ... beh, questo.
Questo libro ha un sacco di cose sbagliate, primo fra tutte l'accozzaglia di elementi di libri diversi, come il ragazzo che entra dalla finestra, i drammoni alle spalle di entrambi e... non so nemmeno come definirla, l'assurdità dei personaggi?

L'intro è un capitolo che ti fa capire che è successo qualcosa e che quello che sta succedendo ne è il diretto risultato, ma nessuna spiegazione ci è data, giusto per costruire l'alone di mistero.
Salto temporale di circa otto/nove mesi: no,…

RECENSIONE | Harry Potter and the Cursed Child

Titolo: Harry Potter and the Cursed Child
Autore: J. K. Rowling, Jack Thorne, John Tiffany
Casa editrice:Little, Brown Book group
Anno di pubblicazione:2016
Prezzo:Onestamente troppo







Commenti divertenti che ho trovato in giro per internet:

"C'ha la copertina bella"
-Caleel

"NO"
-Ilenia Zodiaco

"I'll pretend this book never existed"
-Serena-Seriously

Salve Viandanti,  come promesso ecco la recensione del libro, anche se più che una recensione si tratta di una sorta di trattato vero e proprio.
C'è così tanto che vorrei dire, accidenti....
Innanzitutto questo libro ha ridefinito il mio personale rating: se prima il valore più basso della scala era "Che @€#&% ho letto", adesso il gradino più basso è "Ma ci ho veramente speso dei soldi?"
Mi sembrava davvero di avere a che fare con qualcosa uscito da Wattpad che per puro caso si era trovato con una copertina con su scritto "Harry Potter".
Lettori a cui è piaciuto, siete a…

Teaser Tuesday #11

Teaser Tuesday è un'idea del blog Should be Reading, è una rubrica che si tiene di martedì. Per parteciparvi basta seguire le seguenti regole.
Prendi il libro che stai leggendo e aprilo ad una pagina a caso; Condividi un breve spezzone di quella pagina senza fare spoiler Scrivi il titolo e l'autore
“Why don’t you get to the point,” she drawled. “I want to have a few hours of sleep tonight.” Not a lie. With every breath, exhaustion wrapped tighter around her bones.
“I would have thought,” Arobynn said, “given how close you two were and your abilities, that
you’d somehow be able to sense it. Or at least hear of it, considering what he was accused
of.”
The prick was enjoying every second of this. If Dorian was dead or hurt—
“Your cousin Aedion has been imprisoned for treason—for conspiring with the rebels here in Rifthold to depose the king and put you back on the throne.”
The world stopped. Stopped, and started, then stopped again.”
-Queen of Shadows, Sarah J. Maas

RECENSIONE | Il principe spezzato

Mi spiace dirlo, ma questa non sarà una recensione piena di fangirlo come per gli altri volumi della saga.
Arriviamo al punto, ossia il tallone d'Achille di Bianca Marconero: la scrittura in prima persona, quelle frasi che cercano di descrivere uno stato d'animo e che finiscono per essere molto articolate e davvero pesanti.
Nota una volta letto La prima cosa bella: okay, chi è l'editor, la cogiunzione astrale, l'amor che move il sole e l'altre stelle che ha aiutato Bianca Marconero durante la scritttura? Che le ha detto quando e dove stava esagerando? Perché quella è una signora scrittura in prima persona.  Ho sempre guardato malissimo tutte le persone che non davano un rating maggiore di tre stelline a questa saga, nonostante il primo volume avesse tutto il peso del volume d'esordio, nonostante questa saga faccia sentire al lettore che la scrittrice ha talento ma è ancora un diamante grezzo.


Riccardo Cinquedraghi è un personaggio postumo della saga, anzi IL pe…