Passa ai contenuti principali

A BookDragon To Do List | #1 Tumbleweed

A BookDragon To Do List, nota anche come Le Cose che un Lettore Vorrebbe Fare Prima di Morire. 


Cari Viandanti capitati qui per caso e vecchi affezionati lettori del blog,
per chi mi conosce o chi ha avuto bisogno di un'occhiata per rendersene conto, ci sono poche cose che mi colpiscono dritto al cuore e il Tumbleweed è stato una di quelle cose.
Oooooh, sono così emozionata! E' un secolo che non mi capita di aggiungere qualcosa di davvero emozionante da fare alla mia lista di cose da fare prima di morire. 

Vediamo se indovinate. Tumbleweed è:
a) Un'altra di quelle parole rimodellate e significa Tumblrweird, i blog di Tumblr con le cose più pazze mai viste prima
b) Un nuovo tipo di erba. State attenti ai vostri gatti, ne vorranno più di voi.
c) Un nuovo yoga per rendervi più elastici e flessibili di quanto gli altri promettono.
d) Un nuovo tipo di yogurt, perché voi siete sempre affamati e non viene un angelo di notte a portare via la bua dal vostro intestino.

Naaaa, per niente, ed è questa la cosa più bella.


Prendete uno zaino, ricordatevi di metterci dentro spazzolino e carta igienica, anche una piccola dose di alcool e seguitemi.... A Parigi.
Londra e Parigi sono le mie due città preferite, ma Parigi ha deciso di diventare ancora più magica ai miei occhi. Questo posto, che per intero si chiama Tumbleweed Hotel, Shakespeare e Company è una libreria fantastica!

*sguardo scettico dei lettori*

*sguardo carico d'emozione mio*

*I lettori leggono di nuovo il nome del posto*



Siiiii! Si tratta proprio di una libreria in cui si può dormire! 
*seguono suoni non meglio identificabili e danza della gioia*
Il mondo è ancora un posto meraviglioso che ti riserva ancora delle sorprese senza precedenti.
Puoi dormire lì per giorni o settimane, ma un ragazzo ci è rimasto per ANNI. Capito? ANNI. Non riesco a credere all'esistenza di questo posto, è davvero incredibile! E la cosa ancora più pazzesca è che esiste da circa cinquant'anni. O almeno, sono cinquant'anni circa che la libreria si è organizzata in questo modo.
Dov'ero negli ultimi cinquant'anni? Ah, già, io posso vantarmi di aver visto solo gli ultimi venti.

Non si paga un vero e proprio affitto, né si può prenotare un posto letto, semplicemente si va, si parla con il/la proprietario/a, si compilano dei moduli e si svolgono alcune attività per la libreria durante la giornata. Tu ti prendi cura di questo posto e lui si prende cura di te.
Per chi sta leggendo e storcendo il naso allo stesso tempo, sappiate che la vista è direttamente su Notre Dame. Esattamente, la vista è direttamente sulla SIGNORA di tutta Parigi.
E c'è il bagno. Tié.

Per chi volesse leggere un pieno resoconto (in inglese) di quest'esperienza, ecco a voi il link del blog di un ragazzo che ha dormito qui. Ha scattato tantissime foto, per chi magari non se la cave benissimo con l'inglese. In questo modo avrete un'idea "fotografica" di come funziona.

Insomma, dopo tutto questo lunghissimo sclero, ecco un nuovo obbiettivo della lista:

Numero #20: Dormire all'Hotel Tumbleweed.



Commenti

Posta un commento

Sono sempre contenta di vedere messaggi, mandami un gufo.

Post popolari in questo blog

RECENSIONE | L'amazzone di Alessandro Magno

Titolo:L'amazzone di Alessandro Magno

Autore:Bianca Pitzorno

Casa editrice: Arnoldo Mondadori

Anno di pubblicazione: 2004

Prezzo: 8 euro



Trama:
Mírtale è una bambina diversa dalle altre, una trovatella allevata per l'interessamento di Alessandro Magno, il capo supremo della spedizione che marcia alla conquista dell'Asia. C'è un mistero nel suo passato, che solo il re e i suoi amici più stretti conoscono. E l'educazione che le viene impartita, con grande scandalo del filosofo Callístene e di tutte le persone sensate, è identica a quella dei ragazzi-maschi di nobile famiglia. Poi c'è il fatto davvero straordinario che Bucèfalo, che non si lascia toccare da nessuno se non da Alessandro, non solo accetta le carezze di Mírtale, ma persino che la bambina gli monti in groppa. Età di lettura: da 11 anni.

Recensione:
Devo premettere che sono una Fan di Bianca Pitzorno, sono completamente di parte! Ho cominciato a leggere con i suoi romanzi per bambini e mi sono sempre…

BOOKS PUT ME IN A GOOD MOOD | Partenza!

Salve, se state leggendo questo post vuol dire che ci siete, che mi avete seguito fino a questomomento e vi ringrazio. Nonostante tutti i problemi incontrati e i vari partecipanti che si sono ritirati, non fa niente, il progetto è partito. In settimana è arrivato il paco con il libro da spedire e ieri (o era avant'ieri?) l'ho spedito tramite posta raccomandata alla prima partecipante che potrà leggere, appuntare e disegnare sulle pagine qualsiasi cosa le venga in mente al momento.
Finalmente.  *Enorme sospiro di sollievo*

La mia sparizione è dovuta principalmente allo studio e all'esplosione del wi fi. Si, mi è esploso il wi fi. In realtà è andato in cortocircuito durante un temporale, ma dal lampo di luce proveniente dall'apparecchio e dalla successiva morte... riesco  a definire tutto ciò con "esplosione".
L'unico ad essermi rimasto fedele è il mio smartphone, ma internet è lento sul cellulare e non mi piace come vengono editati i post, tutto il materia…

RUBRICA | I'm a book, pick me!

I'm a book, pick me Speciale Halloween

Interrompo ancora una volta lo Hiatus per  postare uno dei post che avevo ideato prima della pausa del blog. Come idea mi piaceva davvero e non volevo aspettare l'anno prossimo per postarlo, molto probabilmente perché potrei non farlo affatto o prendere parte alla skeleton war.



Stephen King - Per quel brivido d'autore
Ammetto di non aver mai letto Stephen King (non linciatemi), ma si tratta di una questione prettamente pratica: il 75% dei libri letti all'anno sono stati letti la notte. Questo vuol dire che se mi dimentico che ci sono gli elettrodomestici accesi mi viene un infarto, figuriamoci se succede mentre leggo King. Oltre che non saprei da dove cominciare.
A parte questo, chiedete ad un amante di Sephen King: sarebbe un'ottima lettura in tema Halloween.

L'amico immaginario - Perché i mostri alle volte sono veri
Nelle note l'autore ammette che si è ispirato a Stephen King. Lol.

L'albero di Halloween - Qualcosa di div…