Passa ai contenuti principali

RECENSIONE | Aristotle and Dante discover the secrets of the universe

Titolo: Aristotle and Dante discover the secret of the universe
Autore: Benjamin Alire Sàenz
Casa editrice: Simon & Schuster
Anno di pubblicazione: 2012
Prezzo: 10,99 dollari

Trama:
Aristotle is an angry teen with a brother in prison. Dante is a know-it-all who has an unusual way of looking at the world. When the two meet at the swimming pool, they seem to have nothing in common. But as the loners start spending time together, they discover that they share a special friendship—the kind that changes lives and lasts a lifetime. And it is through this friendship that Ari and Dante will learn the most important truths about themselves and the kind of people they want to be.

(Tradotta da me) Aristotle è un ragazzo arrabbiato con un fratello in prigione. Dante è un so-tutto-io che ha un inusuale modo di vedere il mondo. Quando i due si incontrano in piscina sembra che non abbiano niente in comune. Quando cominciano a trascorrere del tempo assieme, scoprono di condividere un'amicizia speciale - il genere di amicizia che può cambiare durare una vita. E' grazie a questa amicizia che Ari e Dante impareranno le più importanti verità su di loro e sul tipo di persone che vogliono diventare.


Recensione: 
Vorrei cominciare la recensione con delle gif d'impatto:



Questo libro mi ha fatto piangere



No, davvero, sono seria.



Io non piango per libri, film o telefilm, se lo faccio vuol dire che si tratta di un qualcosa che è stato fatto davvero bene.
Si tratta di un evento piuttosto raro che accade raramente, nell'ordine:
-La volta che ho finito Un ponte per Terabithia in treno e tutti si giravano verso di me, è successo cinque anni fa.
-Tre/quattro anni fa, guardando il trailer di Hachiko
-Tre anni fa guardando il film di Hachiko
-Titanic, ma è stata solo una lacrimuccia, non fa testo.
-Quest'anno, guardando il trailer del Piccolo principe che uscirà in autunno
-Quest'anno, leggendo questo libro.

(Si, c'è anche Divergent, hai ragione E., ma in parte è colpa delle lenti a contatto, vediamo Insurgent e ne riparliamo)

Non so che cos'è che fa scattare la scintilla, forse il fatto che sia io che Ari (Aristotle) siamo dei tipi solitari, lui se ne sta per conto suo, io conto sulle dita di una mano le persone di cui mi fido ciecamente, Ari è stato anche il mio soprannome per un po' e quando vedo un personaggio con il mio nome/soprannome sono subito di parte, ciò che però mi ha fatta inn il suo essere fondamentalmente una persona buona, poco spontanea, ma fondamentalmente buono. 
L'incontro con Dante mi ha fatto fare un "ooooh" dentro la mia testa, ma credo si sia sentito anche fuori perché Sorella ci ha messo gli occhi sopra.
Dante, come potrei definire questo ragazzo? A parte "tenero cucciolo dagli occhi dolci"


Ammetto che alcuni comportamenti di Dante mi hanno dato un po' di fastidio, giusto un po', ma solo perché Dante alle volte si comporta come quell'amico imbarazzante che abbiamo tutti, anche se in una scala da 1 a 10 lui è -1, la sua dolcezza compensa tutto il resto.
Dante e Ari si compensano l'un l'altro, quello che non safare uno lo sa fare l'altro, nuotare, fare a botte, leggere... Mi si è sciolto il cuore quando Dante ha cominciato a far leggere Ari.

By Peppernote

Dolci. L'unica pecca di questo libro è che non sai cosa puoi dire e cosa non puoi dire per evitare spoiler. Avete presente quando qualche anno fa uscì al cinema la migliore offerta? Il parere universale era "fantastico", "sorprendente" ma alla domanda "Ma che film è? Cos'ha di speciale?" tutti rispondevano con un fastidiosissimo "Eeeeh...Devi vederlo". Ecco, non so come recensire questo libro, non posso limitarmi a dire "è bellissimo", "è emozionante", sono costretta a fare l'antipatica e dire "Dovete leggerlo".

Per convincervi, lascio alcune citazioni del libro:

"Why do we have to measure the feet?" I asked, "Can't we just throw the shoe and mark it with the piece of chalk? The farthest chalk mark is the winner. Simple"
"We have to know the exact distance," he said.
"Why?"
"Because when you do something , you have to know exactly what you're doing".

"It's okay, people laugh at my name."
"No, no" I said."See, it's just that my name's Aristotle"
[...] Then we both kind of went a little crazy. Laughing.
"My father is an English professor"
"At least you have an excuse. My father's a mailman. Aristotle is the English version of my grandfather's name"

Commenti

  1. A volte capitano quei libri di cui non si può parlare per paura di fare spoiler, ed è veramente una seccatura!
    Comunque, questo era già in wish list, ma ora sono ancora più curiosa di leggerlo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo libro dà talmente tante emozioni che alla fine non ci pensi più di tanto, certo, mi rendo conto solo ora che per chi legge può essere una scocciatura. Leggilo, è bellissimo!

      Elimina

Posta un commento

Sono sempre contenta di vedere messaggi, mandami un gufo.

Post popolari in questo blog

RECENSIONE | L'amazzone di Alessandro Magno

Titolo:L'amazzone di Alessandro Magno

Autore:Bianca Pitzorno

Casa editrice: Arnoldo Mondadori

Anno di pubblicazione: 2004

Prezzo: 8 euro



Trama:
Mírtale è una bambina diversa dalle altre, una trovatella allevata per l'interessamento di Alessandro Magno, il capo supremo della spedizione che marcia alla conquista dell'Asia. C'è un mistero nel suo passato, che solo il re e i suoi amici più stretti conoscono. E l'educazione che le viene impartita, con grande scandalo del filosofo Callístene e di tutte le persone sensate, è identica a quella dei ragazzi-maschi di nobile famiglia. Poi c'è il fatto davvero straordinario che Bucèfalo, che non si lascia toccare da nessuno se non da Alessandro, non solo accetta le carezze di Mírtale, ma persino che la bambina gli monti in groppa. Età di lettura: da 11 anni.

Recensione:
Devo premettere che sono una Fan di Bianca Pitzorno, sono completamente di parte! Ho cominciato a leggere con i suoi romanzi per bambini e mi sono sempre…

BOOKS PUT ME IN A GOOD MOOD | Partenza!

Salve, se state leggendo questo post vuol dire che ci siete, che mi avete seguito fino a questomomento e vi ringrazio. Nonostante tutti i problemi incontrati e i vari partecipanti che si sono ritirati, non fa niente, il progetto è partito. In settimana è arrivato il paco con il libro da spedire e ieri (o era avant'ieri?) l'ho spedito tramite posta raccomandata alla prima partecipante che potrà leggere, appuntare e disegnare sulle pagine qualsiasi cosa le venga in mente al momento.
Finalmente.  *Enorme sospiro di sollievo*

La mia sparizione è dovuta principalmente allo studio e all'esplosione del wi fi. Si, mi è esploso il wi fi. In realtà è andato in cortocircuito durante un temporale, ma dal lampo di luce proveniente dall'apparecchio e dalla successiva morte... riesco  a definire tutto ciò con "esplosione".
L'unico ad essermi rimasto fedele è il mio smartphone, ma internet è lento sul cellulare e non mi piace come vengono editati i post, tutto il materia…

RUBRICA | I'm a book, pick me!

I'm a book, pick me Speciale Halloween

Interrompo ancora una volta lo Hiatus per  postare uno dei post che avevo ideato prima della pausa del blog. Come idea mi piaceva davvero e non volevo aspettare l'anno prossimo per postarlo, molto probabilmente perché potrei non farlo affatto o prendere parte alla skeleton war.



Stephen King - Per quel brivido d'autore
Ammetto di non aver mai letto Stephen King (non linciatemi), ma si tratta di una questione prettamente pratica: il 75% dei libri letti all'anno sono stati letti la notte. Questo vuol dire che se mi dimentico che ci sono gli elettrodomestici accesi mi viene un infarto, figuriamoci se succede mentre leggo King. Oltre che non saprei da dove cominciare.
A parte questo, chiedete ad un amante di Sephen King: sarebbe un'ottima lettura in tema Halloween.

L'amico immaginario - Perché i mostri alle volte sono veri
Nelle note l'autore ammette che si è ispirato a Stephen King. Lol.

L'albero di Halloween - Qualcosa di div…