Passa ai contenuti principali

RECENSIONE | Le bambine dell'Avana non hanno paura di niente

Titolo: Le bambine dell'Avana non hanno paura di niente

Autore: Bianca Pitzorno

Casa editrice: Il Saggiatore
Anno di pubblicazione: 2011
Prezzo: 12 euro

Trama:
Le autobiografie di tre straordinarie donne cubane che narrano la propria infanzia anticipano un racconto di Bianca Pitzorno: quattro sguardi su Cuba per comprendere una storia dell'isola non più secondo interpretazioni ideologiche, ma attraverso due secoli di lotta per la democrazia. La prima sezione del libro si deve alla penna della contessa Mercedes de Merlin, nata a Cuba nel 1789 e morta a Parigi nel 1852. L'isola è una colonia spagnola e la piccola viene affidata a una giovane bisnonna che l'alleva senza regole. La seconda autobiografia è di Renée Mendez Capote: nata nel 1901, la sua infanzia coincide con i primi anni di "pseudorepubblica" che seguono la guerra d'indipendenza. Soledad Cruz Guerra è invece una giornalista e scrittrice cubana nata nel 1952 da genitori poverissimi, che grazie al trionfo della rivoluzione può andare a scuola e all'università. Infine il racconto di Bianca Pitzorno sull'infanzia di oggi attraverso le voci delle bambine dell'Avana.

Recensione:
La storia di un Paese raccontato attraverso gli occhi delle donne, ma non donne qualsiasi, delle scrittrici di Cuba, tutto attraverso le loro biografie. Questa tecnica era già stata utilizzata in altri saggi, ma risulta sempre efficace, in questo caso, persino fresca, dato che le biografie utilizzate sono quelle delle scrittrici da bambine.
A parte il primo paragrafo della prima biografia, la narrazione procede scorrevole, alle vicende personali si intrecciano i fatti storici che hanno più o meno influenzato le loro vite.
L'unico ostacolo che ho trovato è stato l'incipit di Mercedes De Merlin, un po' borioso e presuntuoso, perché non definisce se stessa come una scrittrice. Nella prefazione i suoi scritti vengono presentati come appartenenti al genere delle Confessioni tipicamente romantico, quindi...
Ah Ah! Mercedes, sei una scrittrice!
Tornando seri, questa recensione è difficile da fare, ci sarebbe da dire di tutto, ma non può che essere positiva. Tra una biografia dell'altra vi sono notizie storiche che servono a dirci che cosa accadde alle scrittrici, una volta conclusa la loro infanzia, cosa successe nel frattempo a Cuba, per meglio introdurre la biografia successiva o le interviste finali alle bambine che vivono oggi all'Avana.

A parte le difficoltà iniziali già citate, la scrittura è scorrevole, fresca e molto allegra. Cominci e dopo un po' ti ritrovi alle ultime pagine, scorrendole e cercando di far uscire altre pagine che devono per forza essere nascoste lì da qualche parte, perché la storia non può essere tutta lì, cavolo!
Le infanzie colorate e spensierate delle protagoniste sono alle volte attraversate dagli avvenimenti storici, che possono essere una svolta importante nelle loro vite o semplicemente una strada asfaltata oppure un pretesto per poter giocare alla guerra nonostante siano bambine.
Di tutte le biografie mi è piaciuta di più l'ultima, quella di Soledad Cruz Guerra, vince di poco su quella di Renée Mendez Capote. Soledad mi è piaciuta per la sa spennsieratezza, per la sua famiglia "allargata" in cui i vari fatti storici hanno sempre comportato almeno una discussione in famiglia che terminava in maniera più o meno seria. 
Consigliatissimo.

Pro: Fresco, dolce e amaro allo stesso tempo.
Contro: Non è possibile un seguito.

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE | L'amazzone di Alessandro Magno

Titolo:L'amazzone di Alessandro Magno

Autore:Bianca Pitzorno

Casa editrice: Arnoldo Mondadori

Anno di pubblicazione: 2004

Prezzo: 8 euro



Trama:
Mírtale è una bambina diversa dalle altre, una trovatella allevata per l'interessamento di Alessandro Magno, il capo supremo della spedizione che marcia alla conquista dell'Asia. C'è un mistero nel suo passato, che solo il re e i suoi amici più stretti conoscono. E l'educazione che le viene impartita, con grande scandalo del filosofo Callístene e di tutte le persone sensate, è identica a quella dei ragazzi-maschi di nobile famiglia. Poi c'è il fatto davvero straordinario che Bucèfalo, che non si lascia toccare da nessuno se non da Alessandro, non solo accetta le carezze di Mírtale, ma persino che la bambina gli monti in groppa. Età di lettura: da 11 anni.

Recensione:
Devo premettere che sono una Fan di Bianca Pitzorno, sono completamente di parte! Ho cominciato a leggere con i suoi romanzi per bambini e mi sono sempre…

BOOKS PUT ME IN A GOOD MOOD | Partenza!

Salve, se state leggendo questo post vuol dire che ci siete, che mi avete seguito fino a questomomento e vi ringrazio. Nonostante tutti i problemi incontrati e i vari partecipanti che si sono ritirati, non fa niente, il progetto è partito. In settimana è arrivato il paco con il libro da spedire e ieri (o era avant'ieri?) l'ho spedito tramite posta raccomandata alla prima partecipante che potrà leggere, appuntare e disegnare sulle pagine qualsiasi cosa le venga in mente al momento.
Finalmente.  *Enorme sospiro di sollievo*

La mia sparizione è dovuta principalmente allo studio e all'esplosione del wi fi. Si, mi è esploso il wi fi. In realtà è andato in cortocircuito durante un temporale, ma dal lampo di luce proveniente dall'apparecchio e dalla successiva morte... riesco  a definire tutto ciò con "esplosione".
L'unico ad essermi rimasto fedele è il mio smartphone, ma internet è lento sul cellulare e non mi piace come vengono editati i post, tutto il materia…

RECENSIONE | L'ultima notte al mondo

Quante volte ci si può innamorare della stessa persona?

Marco Bertani ha ventitré anni, alle spalle un’adolescenza tutt’altro che semplice e davanti a sé un futuro nel quale potrà contare solo su se stesso. Un giorno inaspettatamente si imbatte in Marianna Visconti, ex compagna del liceo e amore non corrisposto della sua vita. I loro mondi non potrebbero essere più lontani: Marianna, dopo aver studiato negli Stati Uniti, sta facendo pratica legale presso il prestigioso studio di un amico di famiglia, mentre Marco sbarca il lunario lavorando come operatore per una rete televisiva locale. Quando però le viene prospettata l’occasione di condurre un programma ideato proprio da lui, Marianna decide di accettare la sfida, convinta che così potrà dimostrare a Luca, il fidanzato con cui è in crisi, di cosa è capace: lei e Marco si troveranno quindi a lavorare gomito a gomito e scopriranno di non essere poi così diversi come credevano…
E non finisce qui: tra le pagine del prequel, Ed ero content…