Passa ai contenuti principali

RECENSIONE | L'amazzone di Alessandro Magno

Titolo: L'amazzone di Alessandro Magno

Autore: Bianca Pitzorno

Casa editrice: Arnoldo Mondadori

Anno di pubblicazione: 2004

Prezzo: 8 euro
 


Trama:
Mírtale è una bambina diversa dalle altre, una trovatella allevata per l'interessamento di Alessandro Magno, il capo supremo della spedizione che marcia alla conquista dell'Asia. C'è un mistero nel suo passato, che solo il re e i suoi amici più stretti conoscono. E l'educazione che le viene impartita, con grande scandalo del filosofo Callístene e di tutte le persone sensate, è identica a quella dei ragazzi-maschi di nobile famiglia. Poi c'è il fatto davvero straordinario che Bucèfalo, che non si lascia toccare da nessuno se non da Alessandro, non solo accetta le carezze di Mírtale, ma persino che la bambina gli monti in groppa. Età di lettura: da 11 anni.

Recensione:
Devo premettere che sono una Fan di Bianca Pitzorno, sono completamente di parte! Ho cominciato a leggere con i suoi romanzi per bambini e mi sono sempre piaciuti, ma questo è stato il primo dei suoi romanzi che ho letto che mi ha fatto riflettere. La prima volta che ho letto questa storia sono rimasta basita per un momento, poi ho dovuto rileggerlo. In base a quel desiderio di rileggerle, di capire meglio, ho ripreso in mano il romanzo. L'età indicata è dagli undici anni in su, ma questa è una di quelle storie che se rileggi in un'età diversa ha tutto un altro aspetto... oppure un punto di vista diverso dopo tanti anni ti fa capire meglio cose che avevi intuito soltanto.

Si, è un periodo di letture dolorose, che volete, sarà una fase masochista.
Da dove comincio a parlarvi di questo libro? Dovete sapere che molte delle storie e dei romanzi della Pitzorno che ho letto alle elementari finivano bene ed erano allegri, altri mi lasciavano perplessa.

L'amazzone di Alessandro Magno parte da Mirtale, bambina che il famoso condottiero macedone fa crescere come un maschio davanti allo sdegno dei suoi compagni di viaggio che si spiegano questo fatto come una delle tante stranezze di Alessandro. Ma chi è Mirtale? 
L' oracolo risponde a quest'interrogativo: è una piccola amazzone, figlia della regina di quel popolo di guerriere. Chi meglio di Alessandro e della sua spedizione verso Oriente possono aiutare Mirtale nella sua ricerca? Tutti gli allenamenti, tutta l'educazione militare ha un senso adesso, ma dove sono le amazzoni? Nessuno sa dare notizie certe su di loro, nessuno le ha mai viste con certezza. La ricerca è sfibrante,ma questa bambina non si  arrende e continua ad aspettare notizie e a interrogare gli esploratori e gli ambasciatori per avere notizie, fino a quando un evento inaspettato sconvolge le sue aspettative e il suo punto di vista...

L'amazzone di Alessandro Magno è uno dei romanzi di quest'autrice che sono stati revisionati, (la mia copia dice che è alla terza stesura) e che non sono uguali alla versione originale, ma rispecchia uno degli aspetti di quest'autrice: non indora la pillola, ti dice le cose così come stanno.
Se l'inizio può essere letto da chiunque, andare avanti comporta una crescita del lettore assieme al protagonista e arrivare alla fine è doloroso, una catarsi necessaria, una verità difficile da accettare.
E voi? Siete pronti ad andare fino in fondo?

Commenti

  1. Ciao, ho trovato il tuo blog grazie al link party de "il rifugio degli elfi".
    Mi piace molto il tuo blog, ovviamente ti seguo :)

    Se ti va questo è il mio http://ilmondodiunabookworm.blogspot.it/

    A presto
    Lu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Ho eliminato il doppio commento e sono passata da te, mi ha fatto piacere conoscerti e conoscereil tuo blog.

      Elimina
  2. Complimenti per la recensione! :) Non conoscevo questo libro ma credo di dovergli dare una possibilità! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è un libro molto bello e molto particolare, mi spiace solo che l'autrice non abbia tutto il riconoscimento che merita.

      Elimina

Posta un commento

Sono sempre contenta di vedere messaggi, mandami un gufo.

Post popolari in questo blog

BOOKS PUT ME IN A GOOD MOOD | Partenza!

Salve, se state leggendo questo post vuol dire che ci siete, che mi avete seguito fino a questomomento e vi ringrazio. Nonostante tutti i problemi incontrati e i vari partecipanti che si sono ritirati, non fa niente, il progetto è partito. In settimana è arrivato il paco con il libro da spedire e ieri (o era avant'ieri?) l'ho spedito tramite posta raccomandata alla prima partecipante che potrà leggere, appuntare e disegnare sulle pagine qualsiasi cosa le venga in mente al momento.
Finalmente.  *Enorme sospiro di sollievo*

La mia sparizione è dovuta principalmente allo studio e all'esplosione del wi fi. Si, mi è esploso il wi fi. In realtà è andato in cortocircuito durante un temporale, ma dal lampo di luce proveniente dall'apparecchio e dalla successiva morte... riesco  a definire tutto ciò con "esplosione".
L'unico ad essermi rimasto fedele è il mio smartphone, ma internet è lento sul cellulare e non mi piace come vengono editati i post, tutto il materia…

RUBRICA | I'm a book, pick me!

I'm a book, pick me Speciale Halloween

Interrompo ancora una volta lo Hiatus per  postare uno dei post che avevo ideato prima della pausa del blog. Come idea mi piaceva davvero e non volevo aspettare l'anno prossimo per postarlo, molto probabilmente perché potrei non farlo affatto o prendere parte alla skeleton war.



Stephen King - Per quel brivido d'autore
Ammetto di non aver mai letto Stephen King (non linciatemi), ma si tratta di una questione prettamente pratica: il 75% dei libri letti all'anno sono stati letti la notte. Questo vuol dire che se mi dimentico che ci sono gli elettrodomestici accesi mi viene un infarto, figuriamoci se succede mentre leggo King. Oltre che non saprei da dove cominciare.
A parte questo, chiedete ad un amante di Sephen King: sarebbe un'ottima lettura in tema Halloween.

L'amico immaginario - Perché i mostri alle volte sono veri
Nelle note l'autore ammette che si è ispirato a Stephen King. Lol.

L'albero di Halloween - Qualcosa di div…