Passa ai contenuti principali

Recensione: Alakim. Luce dalle Tenebre - Lotto Reading Challenge #2

Un autore il cui cognome inizi per C: Anna Chillon


Titolo: Alakim. Luce dalle tenebre
Autore: Anna Chillon
Casa editrice: Loquendo Editrice
Anno di pubblicazione: 2013
Prezzo: in promozione su Amazon fino all'11 febbraio

Trama:
Alakim è un permanente divorato da una fame crudele. Reietto in cielo e braccato in terra da una schiera di guerrieri immortali, condivide il suo rifugio sotterraneo con due Nephilim, abili combattenti e fedeli compagni nella sorte.
Di giorno è costretto all’oscurità, mentre la notte si aggira per le vie di una Marsiglia trasgressiva, in cerca di un modo per assolvere al patto stretto con Lucifero. È proprio durante questa ricerca che un prete dalle eccezionali capacità sensitive gli suggerisce un antico testo custode di segreti proibiti, portandolo così a imbattersi in Nicole, una giovane libraia animalista.
La ragazza ingaggia una lotta impari per non venire travolta dall’indole tenebrosa di Alakim e dal suo spiccato gusto per la malvagità, ma l’ardore che scocca tra loro rapisce corpo e mente, lasciandola senza via di fuga, sopraffatta dall’impetuosità dell’immortale e dalla scoperta di una realtà troppo grande da accettare: una realtà per la quale occorre avere fede.
Così, in un susseguirsi di eventi inaspettati, mettendo a rischio la propria esistenza, i suoi amici e Nicole stessa, Alakim fa di tutto per dare a Lucifero ciò che gli spetta, lottando, tracciando la sua strada nel sangue e spingendosi oltre i limiti.
Perché avere una possibilità di scelta è l’unica cosa cui non è disposto a rinunciare, anche se quello da pagare è un inimmaginabile prezzo.


Recensione:
Dovevo leggere meglio tutte le recensioni su Goodreads. Dovevo. Perché non mi aspettavo che un libro sugli angeli fosse anche un erotico. Tralasiando che non mi aspettavo che per la scrittura si avvicinasse molto a questo genere, potrei dire che la storia è carina. Si,certo. Se non ci fosse Alakim.
Avete capito benissimo,non sto scherzando, proprio lui, il personaggio principale. Non ci riesco, non riesco a capirlo proprio per niente, mi è insopportabile e basta. Non mi riferisco al fatto che quando leggevo di lui sembrava la versione irlandese di un personaggio uscito fuori dalla graphic novel 300, al fatto che se ne esca ogni tanto nel libro con delle frasi piuttosto ciniche sui testi sacri o su Dio in generale.
No, affatto. Si tratta della malvagità del personaggio, del sadismo di cui si rende capace. Rimane un gran bastardo dall'inizio alla fine, quali che siano le sue perdite. Anzi, quando è travolto dal dolore nella parte finale del libro non riesco ad immedesimarmi in quello che sta passando e sono rimasta quasi indifferente.

Potrei pure trovare una "giustificazione" a tutto ciò, ossia che la sua fonte di potere è la malvagità che assorbe attraverso gli occhi, ma se all'inizio mi è sembrato che provasse rimorso, tutto ciò è sparito quando ha tirato fuori il suo lato perverso. E ci ho messo una croce sopra.

Il personaggio che si salva é Nicole, l'altra  voce narrante. Giustamente quando viene a sapere di certe voci e affronta Alakim, che non nega nè smentisce niente, manda  a quel paese il super palestrato. Ottima scelta. Degli avvenimenti successivi però non voglio parlare perché altrimenti farei troppi spoiler.

Ciò che mi è veramente piaciuto in questo libro è come viene trattato l'ambientalismo. Non si tratta sempre e solo di quei simpatici ragazzi che si intrufolano nei laboratori per liberare le cavie dalle loro gabbie, alle volte queste organizzazioni sfociano nell'estremismo e per la "salvaguardia dell'ambiente e degli animali" arrivano a comportamenti ingiustificabili. Niente rose e (figli dei) fiori.

Pro: Per chi ama entrambi i generi

Contro: Alakim.

Commenti

  1. Mi è arrivata via mail la notizia che l'autrice ha messo il libro gratis per qualche tempo per pubblicizzarlo, ed ero tentata di leggerlo... dopo la tua recensione sono un po' meno sicura XD
    Intanto ho scoperto il tuo blog e ti ho aggiunta al mio <3 :)

    RispondiElimina
  2. Grazie, nuovi follower fanno sempre piacere, ricambierò presto la visita *w*
    Guarda, il romanzo è così così, è proprio lui che mi ha dato fastidio, se potessi prenderei il libro e glielo darei in testa. Se fossi ancora interessata a leggere il libro, credo che la promozione fosse per un periodo limitato, non so se è ancora valida.

    RispondiElimina

Posta un commento

Sono sempre contenta di vedere messaggi, mandami un gufo.

Post popolari in questo blog

RECENSIONE | L'amazzone di Alessandro Magno

Titolo:L'amazzone di Alessandro Magno

Autore:Bianca Pitzorno

Casa editrice: Arnoldo Mondadori

Anno di pubblicazione: 2004

Prezzo: 8 euro



Trama:
Mírtale è una bambina diversa dalle altre, una trovatella allevata per l'interessamento di Alessandro Magno, il capo supremo della spedizione che marcia alla conquista dell'Asia. C'è un mistero nel suo passato, che solo il re e i suoi amici più stretti conoscono. E l'educazione che le viene impartita, con grande scandalo del filosofo Callístene e di tutte le persone sensate, è identica a quella dei ragazzi-maschi di nobile famiglia. Poi c'è il fatto davvero straordinario che Bucèfalo, che non si lascia toccare da nessuno se non da Alessandro, non solo accetta le carezze di Mírtale, ma persino che la bambina gli monti in groppa. Età di lettura: da 11 anni.

Recensione:
Devo premettere che sono una Fan di Bianca Pitzorno, sono completamente di parte! Ho cominciato a leggere con i suoi romanzi per bambini e mi sono sempre…

BOOKS PUT ME IN A GOOD MOOD | Partenza!

Salve, se state leggendo questo post vuol dire che ci siete, che mi avete seguito fino a questomomento e vi ringrazio. Nonostante tutti i problemi incontrati e i vari partecipanti che si sono ritirati, non fa niente, il progetto è partito. In settimana è arrivato il paco con il libro da spedire e ieri (o era avant'ieri?) l'ho spedito tramite posta raccomandata alla prima partecipante che potrà leggere, appuntare e disegnare sulle pagine qualsiasi cosa le venga in mente al momento.
Finalmente.  *Enorme sospiro di sollievo*

La mia sparizione è dovuta principalmente allo studio e all'esplosione del wi fi. Si, mi è esploso il wi fi. In realtà è andato in cortocircuito durante un temporale, ma dal lampo di luce proveniente dall'apparecchio e dalla successiva morte... riesco  a definire tutto ciò con "esplosione".
L'unico ad essermi rimasto fedele è il mio smartphone, ma internet è lento sul cellulare e non mi piace come vengono editati i post, tutto il materia…

RUBRICA | I'm a book, pick me!

I'm a book, pick me Speciale Halloween

Interrompo ancora una volta lo Hiatus per  postare uno dei post che avevo ideato prima della pausa del blog. Come idea mi piaceva davvero e non volevo aspettare l'anno prossimo per postarlo, molto probabilmente perché potrei non farlo affatto o prendere parte alla skeleton war.



Stephen King - Per quel brivido d'autore
Ammetto di non aver mai letto Stephen King (non linciatemi), ma si tratta di una questione prettamente pratica: il 75% dei libri letti all'anno sono stati letti la notte. Questo vuol dire che se mi dimentico che ci sono gli elettrodomestici accesi mi viene un infarto, figuriamoci se succede mentre leggo King. Oltre che non saprei da dove cominciare.
A parte questo, chiedete ad un amante di Sephen King: sarebbe un'ottima lettura in tema Halloween.

L'amico immaginario - Perché i mostri alle volte sono veri
Nelle note l'autore ammette che si è ispirato a Stephen King. Lol.

L'albero di Halloween - Qualcosa di div…